Polenta e osei scappati…

Nei ricordi infantili di interminabili viaggi attraverso nebbiose distese della pianura padana il granoturco annoiava il mio sguardo curioso…la futura polenta…

La polenta…maestosa regina delle tavole nordiche….protagonista assoluta del pasto quotidiano…fonte di sopravvivenza ……
Anche oggi cerchiamo un mulino che macini il granoturco grosso…nel paiolo ormai non piu’ di rame giriamo e giriamo senza fretta quel tesoro dorato….la massa resiste ostinata al prepotente mestolo di legno….sempre piu’ cedevole…
Condiamola con un succulento sugo di involtini di maiale e tanto pecorino….ed e’ subito festa….
Tanto tempo fa, alla mensa dei contadini la polenta veniva rovesciata sulla tavola di legno consunto…sopra solo un rivolo di rossa conserva ….
Tutti, chini sul tavolo, ne mangiavano cucchiaiate in religioso silenzio….il bordo era per il cane di casa….
 Fabio-La-Rosa-Noval-57
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s